HUMMUS: UNA RICETTA VEGETARIANA DAL SAPORE ORIENTALE

PRESENTAZIONE

Oggi andremo nell’ambito culinario del Medio Oriente per proporvi una delle ricette vegetariane veloci più conosciute: l’hummus.

Numerosi sono i paesi che ne rivendicano la paternità, ma ad oggi la sua origine rimane incerta.

Sicuramente è una ricetta molto diffusa in tutti i paesi arabi, per via della facilità dei suoi ingredienti.

Una squisita crema, dal gusto caratteristico: delicato e profumato, per la presenza dei ceci e della tahina, ma anche un po’ aspro per l’aggiunta del succo di limone che dona un corretto equilibrio a questa fantastica ricetta.

In questa variante abbiamo voluto recuperare l’antica tradizione di realizzare la tahina fatta in casa.

Abbiamo pertanto recuperato il “suribachi” e “surikogi” con i quali un tempo si creava la farina e che noi abbiamo usato per mescolare e pestare tutti gli ingredienti, per ottenere un hummus più genuino!

Fatevi conquistare da questo piatto molto versatile, utilizzato come accompagnamento per le felafel, o come crema spalmabile.

Una presa di paprika affumicata e il vostro hummus andrà letteralmente a ruba servito per uno dei vostri aperitivi!

 

INGREDIENTI

  • Semi di sesamo 100 g
  • Ceci precotti 600 g
  • Acqua calda 150 g
  • Olio di sesamo 30 g
  • Succo di limone ½
  • Aglio 1 spicchio
  • Prezzemolo 1 ciuffo
  • Paprika 1 cucchiaino
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.

 

PREPARAZIONE

Per realizzare l’hummus iniziate sbucciando l’aglio, dividendolo a metà eliminando l’anima interna e tritatelo molto finemente. A questo punto prendete il prezzemolo, sciacquatelo, asciugatelo e tritatelo finemente.

A questo punto si può preparare la tahina (potete anche usare quella in commercio se preferite): versate i semi di sesamo in un tegame antiaderente e tostate i semi a fuoco dolce per 2-3 minuti. Metteteli poi nel suribachi (la classica scodella giapponese) e usate il surikogi per amalgamare e schiacciare i semi di sesamo tostati. Se non avete questi strumenti, potete usare un mixer iniziando a tritare e solo dopo qualche secondo aggiungete l’olio di sesamo a filo, un po’ di sale, l’acqua calda e continuate a mischiare. Se preferite una tahina più densa potete aggiungere altro sesamo tostato, se più liquida aggiungete altro olio di semi o acqua calda.

Unite i ceci precotti, scolati dal liquido di conservazione e continuate a mischiare e pestare. Spremete il succo di mezzo limone e unite l’aglio, sale, pepe e prezzemolo e continuate a mescolare.

Una volta pronto l’hummus, potete insaporirlo con del prezzemolo fresco, paprika affumicata e un filo d’olio di semi; a questo punto il vostro hummus è finito!

Servitelo come antipasto con delle bruschette di pane o per una cena a tema mediorientale con pane arabo o azzimo appena tostato in forno!

CONSERVAZIONE

Potete conservare l’hummus all’interno di un contenitore nel frigorifero 2-3 giorni. È sconsigliato congelarlo.

CONSIGLIO

Per dare più sapore al vostro hummus potete aggiungere al composto un pizzico di curry. L’hummus di ceci è un condimento perfetto per molti piatti, provate ad accompagnarlo con le verdure crude, come sostituto del pinzimonio, e lasciatevi catturare dal suo gusto ricco e avvolgente.

CURIOSITA’

Il famoso scrittore israeliano Meir Shalev, l’hummus viene nominato nell’Antico Testamento. Come narra il racconto biblico, Ruth, una fanciulla moabita, povera, che lavorava nei campi mietendo il grano, viene notata dal ricco cavaliere Boaz, che se ne innamora e riesce a conquistarla preparandole una base di pane e hummus o per meglio dire di “himza” (cece in ebraico antico).

Nell’arte culinaria turca viene spalmato all’interno della pita prima di farcirla, o servito come “meze”, ossia un antipasto da degustare prima delle altre portate.

 

 

Per la ricetta e la foto si rimanda a giallozafferano

Lascia un commento